Orazio Comes

Orazio ComesNacque a Monopoli (Bari) l'11 novembre del 1848 e morì Portici il 13 ottobre del 1917.
Fu professore incaricato di Botanica presso la R. Scuola Superiore di Agricoltura nel 1887. Con il trasferimento a Roma del Prof. Pedicino, l'incarico e la direzione dell'Orto Botanico furono conferiti ad Orazio Comes, il quale successivamente nel 1906 fu nominato anche direttore della R. Scuola Superiore di Agricoltura.

La morte avvenuta il 13 ottobre 1917 segnò la fine del periodo aureo dell'Orto Botanico."Infatti, sotto la direzione di Comes si ebbe un'inversione di tendenza rispetto alla concezione di Orto Botanico strutturato in modo coerente con il contesto storico come museo di collezioni botaniche. Comes concepì l'Orto Botanico da lui diretto come area di sperimentazione agraria e come area di sperimentazione agraria e la utilizzò per la coltivazione di varietà di tabacco, pianta sulla quale svolse gran parte della sua attività scientifica.

Solo in questa ottica si può giudicare lo smembramento del complesso, con la cessione del giardino rettangolare alla Stazione Sperimentale per le malattie del bestiame, recuperato in seguito da Francesco De Rosa (1818 - 19) e adibito a Orto Patologico.A lui sono state intitolate la scuola O.Comes di Portici, sita in via Cavalieri di Vittorio Veneto n. 19 e la piazzetta sita all'incrocio tra Corso Diaz, via Marconi, via S. Cristoforo, via Vittorio Emanuele; questa piazzetta non aveva una vera e propria denominazione ed era indicata dal popolo come "Largo Pennese ".

Alla morte del noto botanico, il Comune, volendo onorare l'insigne scienziato, che aveva un villino in quei pressi (abbattuto nel 1966), fece murare, una targa stradale, denominando quello spazio "Piazzetta Orazio Comes ".
Prima di morire Orazio Comes volle donare tutta la sua ricca raccolta di libri all'Istituto.